BUSILLO e CASCONE ai vertici della La IV gamma snella Piana del Sele

Nella Piana del Sele, in provincia di Salerno, tra conferme e rinnovi ai vertici della locale Coldirettison saliti due imprenditori della IV gamma: accando al presidente Vito Busillo, che ha avuto un nuovo mandato, c’è la giovane Annamaria Cascone, referente provinciale dei giovani agricoltori dell’associazione.

D’altronde qui un ettaro su quattro è dedicato alla coltivazione di prodotti destinati a diventare insalate pronte per il consumo, un comparto che vale circa 350 milioni di euro. “Siamo leader indiscussi in Europa – è il commento sul quotidiano La Città del presidente Vito Busillo – Nella Piana produciamo il 75% della quarta gamma nazionale: nei circa 16mila ettari coltivabili, sotto la plastica delle serre ci sono ben 6.500 ettari, di cui 3.500 destinati alla quarta gamma. E’ pure grazie alla qualità delle acque che si ottengono risultati importanti”.

Tra Eboli e Battipaglia si sono sperimentati contratti di filiera che hanno soddisfatto gli associati a Coldiretti. “Bisogna far rete ancor di più, puntare sui giovani, sulla comunicazione e sulla sinergia con il consumatore – la ricetta di Busillo per il futuro – Lascia l’amaro in bocca andare nelle scuole e trovare distributori di merendine e non di ortofrutta“.

Senza categoria

Informazioni su orestemottola

BIOGRAFIA A MODO MIO Oreste Mottola è nato a Altavilla Silentina nel 1960. Il diploma in agraria è del 1979 dopo aver abbandonato gli iniziali studi liceali. Nell’anno prima del terremoto, evento spartiacque per la sua generazione, due viaggi lo influenzeranno molto. Con l’amico Rosario Lucia, quasi come nei “diari della motocicletta” di Che Guevara, percorreranno l’intera Valle del Calore – luogo a lui fino a quel momento sconosciuto – e, da quel punto in poi, ai problemi del comprensorio tra Vallo di Diano e Cilento dedicherà il suo impegno civile prima ancora che professionale. Nell’isola spagnola di Maiorca è protagonista di un raduno giovanile internazionalista dedicato al Mediterraneo. Invece di spiccare il volo per ben altri lidi resta qui, tra Paestum e il Cervati, Persano e monte Motola. Giornalista, è stato per quasi vent’anni collaboratore del quotidiano “Il Mattino”. Attualmente è in forze al settimanale “Unico”. E’ autore di diverse pubblicazioni editoriali, tra le quali “I paesi delle Ombre”, ed. Magna Graecia

Precedente EBOLI. IV Gamma, la Piana del Sele caso nazionale Successivo Roccadaspide ricorda i primi 50 anni del "Tuffatore" riportato alla luce a Paestum