Edizione bis del libro guida sulla storia di Altavilla Silentina

L'immagine può contenere: cielo, albero, spazio all'aperto e natura

Una storia scritta collettivamente dai giovani altavillesi a cavallo degli anni Novanta. Da un’idea e con il coordinamento di Oreste Mottola che ne scrisse una parte sostanziale. Questo è il libro “La collina degli ulivi”, un long seller che illustra i vari aspetti storici e culturali, ambientali e artistici, del paese che sorge tra Eboli e Paestum, e confina con Serre e Albanella. Praticamente in “over booking”, introvabile, è stato ristampato anastaticamente dalla “Magna Graecia” di Serre e presentato al pubblico in una serata che si è tenuta presso la “Tenuta Ferrara”. Accanto a Oreste Mottola si sono riuniti Chiara Morrone, Katja Taurone, Franco Cembalo, Giovanni Russo e Francesca Saponara, assessori e consiglieri della maggioranza. Sono intervenuti anche gli ex sindaci Arduino Senatore e Rosario Gallo. Presente anche il professore Sergio Scalise, glottologo e linguista dell’università di Bologna. Tra i temi in discussione anche l’auspicata riapertura della biblioteca comunale e la valorizzazione del patrimonio archeologico di Altavilla. L’opera sarà reperibile, già a partire dai prossimi giorni, nelle edicole e nelle librerie di Altavilla. Info: Oreste Mottola, orestemottola@gmail.com, 3384624615 

L'immagine può contenere: sMS

 

 

Senza categoria

Informazioni su orestemottola

BIOGRAFIA A MODO MIO Oreste Mottola è nato a Altavilla Silentina nel 1960. Il diploma in agraria è del 1979 dopo aver abbandonato gli iniziali studi liceali. Nell’anno prima del terremoto, evento spartiacque per la sua generazione, due viaggi lo influenzeranno molto. Con l’amico Rosario Lucia, quasi come nei “diari della motocicletta” di Che Guevara, percorreranno l’intera Valle del Calore – luogo a lui fino a quel momento sconosciuto – e, da quel punto in poi, ai problemi del comprensorio tra Vallo di Diano e Cilento dedicherà il suo impegno civile prima ancora che professionale. Nell’isola spagnola di Maiorca è protagonista di un raduno giovanile internazionalista dedicato al Mediterraneo. Invece di spiccare il volo per ben altri lidi resta qui, tra Paestum e il Cervati, Persano e monte Motola. Giornalista, è stato per quasi vent’anni collaboratore del quotidiano “Il Mattino”. Attualmente è in forze al settimanale “Unico”. E’ autore di diverse pubblicazioni editoriali, tra le quali “I paesi delle Ombre”, ed. Magna Graecia

I commenti sono chiusi.