PAESTUM DA’ IN ADOZIONE LE MURA. L’iniziativa prevede anche gli sgravi fiscali fino al 65%, in base alla legge ArtBonus del Ministero Beni Culturali.

Immagine incorporata 2

Sono due tedeschi, Regine Schach von Wittenau e Uwe Schultze di Amburgo, i primi ad aver adottato un blocco delle mura di Paestum. Si avvia così il progetto di raccolta fondi per la manutenzione del circuito murario di Paestum, uno dei meglio conservati in Italia. Con 50,00 Euro annuali, infatti, da ora in poi è possibile diventare “cittadino di Paestum”: che vuol dire contribuire alla difesa del patrimonio, ma anche godere di benefici particolari, tra i quali l’ingresso libero per un anno.

“Lo scopo è quello di creare una comunità internazionale che ci affianca nel nostro lavoro quotidiano per proteggere il sito – nel senso metaforico, ma anche concretamente” commenta il direttore Gabriel Zuchtriegel, che oggi ha inaugurato il progetto con i primi due “genitori adottivi”. L’iniziativa prevede anche gli sgravi fiscali fino al 65%, in base alla legge ArtBonus del Ministero Beni Culturali.

Per partecipare al progetto tutte le indicazioni sono sulla home page del sito:

www.museopaestum.beniculturali.it

  

Ufficio Stampa 

Parco Archeologico di Paestum   0828811023  

Facebook: Parco Archeologico Paestum  Twitter: @paestumparco Instagram: paestumtempli

Senza categoria

Informazioni su orestemottola

BIOGRAFIA A MODO MIO Oreste Mottola è nato a Altavilla Silentina nel 1960. Il diploma in agraria è del 1979 dopo aver abbandonato gli iniziali studi liceali. Nell’anno prima del terremoto, evento spartiacque per la sua generazione, due viaggi lo influenzeranno molto. Con l’amico Rosario Lucia, quasi come nei “diari della motocicletta” di Che Guevara, percorreranno l’intera Valle del Calore – luogo a lui fino a quel momento sconosciuto – e, da quel punto in poi, ai problemi del comprensorio tra Vallo di Diano e Cilento dedicherà il suo impegno civile prima ancora che professionale. Nell’isola spagnola di Maiorca è protagonista di un raduno giovanile internazionalista dedicato al Mediterraneo. Invece di spiccare il volo per ben altri lidi resta qui, tra Paestum e il Cervati, Persano e monte Motola. Giornalista, è stato per quasi vent’anni collaboratore del quotidiano “Il Mattino”. Attualmente è in forze al settimanale “Unico”. E’ autore di diverse pubblicazioni editoriali, tra le quali “I paesi delle Ombre”, ed. Magna Graecia

Precedente PAESTUM. DOMENICA 7 MAGGIO LA MUSICA AI TEMPI DEL “TUFFATORE” Successivo Il libro giallo che anticipò il caso Vassallo ad Acciaroli. "La sirena sotto le alghe”, edito da Piemme, scritto dal medico napoletano Diana Lama